Tour scolastico ‘I racconti del mercato del Capo, tra antichi mestieri, Petru Fudduni e i Beati Paoli’

Percorso: Porta Carini, mercato del Capo, Palazzo Serenario (esterno), Chiesa di Santa Maria del Gesù o dei canceddi
Punto di raduno:  Porta Carini
Costo: € 7 (la quota è da intendersi per un minimo 25 studenti e include: guida turistica locale abilitata, auricolari e ticket monumenti)
INFO: Dott. ssa Rosalia Ceruso 320.7672134 | www.terradamare.org/contatti

Tour scolastico 'I racconti del mercato del Capo, tra antichi mestieri, Petru Fudduni e i Beati Paoli'

Il Capo costituisce, senza ombra di dubbio, uno dei mercati più frequentati della città. Parte da Porta Carini, adiacente al Tribunale, e si estende in tutta la zona che va verso la Cattedrale ed il monte dei pegni. 
Il mercato si sviluppa all’interno dell’omonimo quartiere, formato da un quadrivio di stradine, dove il suo asse principale è costituito appunto dalla via Porta Carini, che prende nome dall’omonima Porta riedificata nel settecento in riferimento all’originale quattrocentesca. Da qui si snoda attraverso via Beati Paoli, che invece prende il nome dalla setta misteriosa di incappucciati che nel 600-700 sembra si riunisse segretamente in una grotta sita nei paraggi, e che s’incrocia con la via Cappuccinelle da un lato e la via Sant’Agostino dall’altro.

Le strade del Capo. I mestieri, i Santi e la superba architettura. Percorso: Oratorio di Sant’Onofrio, Chiesa di Sant’Agostino, Chiesa di Sant’Ippolito (esterno), via delle sedie volanti, tetti della Cattedrale (30 settembre ore 10 – €18)
Tutto questo groviglio di strade e stradine ha l’aspetto proprio del suk orientale. Il quartiere infatti, è nato in età musulmana oltre il corso del fiume Papireto, oggi sotterraneo, ed era abitato da pirati e commercianti di schiavi. Alcune strade del Capo ci ricordano altre storie: quelle degli antichi mestieri dei saponari e delle sedie volanti che verranno narrati durante la passeggiata e la figura di Petru fudduni, umile pirriaturi e lavoratore della pietra, non era letterato di professione, scrisse però innumerevoli poemi; visse pure una giovinezza scapestrata, ma ebbe modo di cantare la vanità delle cose. Continueremo il nostro percorso verso Palazzo Serenario, il seicentesco palazzo in cui visse il pittore Gaspare Serenario e in cui lo scrittore Luigi Natoli ambientò alcune vicende del romanzo “I Beati Paoli”.
L’ultima tappa sarà presso la Chiesa di Santa Maria del Gesù o dei canceddi, si trova sulla piazza dei Beati Paoli. Secondo la tradizione orale e letteraria, lateralmente alla chiesa, in Vicolo degli Orfani, vi era l’accesso alle camere sotterranee utilizzate dai Beati Paoli, una setta che, nel secolo XVII, amministrava la giustizia in forma privata.

Tour scolastico 'I racconti del mercato del Capo, tra antichi mestieri, Petru Fudduni e i Beati Paoli'
La chiesa è detta anche di S. Maruzza o dei “Canceddi” perché sede della confraternita dei portatori di basto che utilizzavano, per i trasporti delle merci, grosse ceste dette “canceddi”. La chiesa ha origini molto antiche, antecedenti al XV secolo; fu ricostruita nel 1660. Dalla chiesa si accede alla cripta, dove sono visibili un piccolo altare, i loculi e la vasca in cui i corpi dei confrati venivano preparati per il riposo eterno. Riaperta dopo decenni, la chiesa è stata affidata alla Comunità di Sant’Egidio, che la utilizza per la preghiera e per le sue iniziative a favore dei bambini del Capo.

About the Author:

TerradaMare è una Cooperativa Turistica formata da un gruppo di esperti del settore Artistico|Turistico|Web che opera nel territorio di Palermo con l’obiettivo primario di promuovere sistemi di rete a supporto del turismo: una vera e propria rete culturale, sociale e religiosa all’interno del territorio della città di Palermo. Mettiamo a disposizione del turista a Palermo: servizi ricettivi, ristorativi,di accoglienza e di assitenza ed eventi di Turismo culturale.

Leave A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.