Primo appuntamento della rassegna di visite teatralizzate ‘AUTUNNO AL BELLINI

Sabato 12 ottobre 2019 – ore 19 – 21 e ore 22 – Real Teatro Bellini Palermo , piazza Bellini 7, Palermo
“Il contrabbasso parlante”, recital per solo contrabbasso, voce e racconti immaginari, con Lelio Giannetto (Musiche di J.S. Bach, Marcella Bella, Sting, G. Gershwin, Glen Moore, Lucio Battisti, Thelonius Monk, Miles Davis, Lelio Giannetto) e visite guidate sulla storia del Teatro più antico di Palermo e la figura di Paganini. Una delle epoche d’oro del Bellini in cui contemporaneamente furono presenti le grandi figure di Gaetano Donizetti e Niccolò Paganini

Durata: un’ora. Disponibili i turni delle ore 19 , 21 e ore 22.
ℹ Ticket intero € 10 – Ridotto CRAL, ARCI, under 25 e over 65: € 8 – Ridotto bambini fino a 10 anni :€ 6 (calendario in fondo all’articolo)
Posti limitati. È consigliata la prenotazione. chiamando i numeri 329.8765958 – 320.7672134 o scrivendo una mail a eventi@terradamare.org  www.terradamare.org/infoline
È possibile acquistare un abbonamento a cinque visite teatralizzate, valido per 12 mesi al costo di € 35. Informazioni: abbonamenti@realteatrobellini.it

PRENOTA SUBITO

Circondati dalle memorie del teatro più antico di Palermo, si assisterà al recital”Il contrabbasso parlante”, per solo contrabbasso, voce e racconti immaginari, con Lelio Giannetto (Musiche di J.S. Bach, Marcella Bella, Sting, G. Gershwin, Glen Moore, Lucio Battisti, Thelonius Monk, Miles Davis, Lelio Giannetto) e alle visite guidate, dalla platea al palco Reale, nel racconto delle trasformazioni del sito architettonico e dei 350 anni del Teatro di piazza Bellini.
Il racconto, che anticiperà le atmosfere della musica che torna sul palco più antico della città, rievocherà la memoria di Niccolò Paganini superbo violinista, genio musicale, ma anche molto altro.
Faranno parte della profonda narrazione che costituirà le visite teatralizzate del 12 ottobre, la sua biografia, gli aneddoti, la carriera musicale che più volte portò in scena delle Accademie presso quello che era il Teatro Carolino, prime forme di concerto, quando dalle corti e dai palazzi dell’aristocrazia, l’esecuzione musicale arriva anche al pubblico comune.
Una delle epoche d’oro del Bellini in cui contemporaneamente furono presenti le grandi figure di Gaetano Donizetti e Niccolò Paganini

Tre teatri inglobati in unico spazio, tra gli abiti della sartoria teatrale Pipi e la suggestione di un luogo dalla potente forza culturale.
Appuntamento venerdì sabato 12 ottobre al Real Teatro Bellini di Palermo – piazza Bellini 7. Disponibili i turni delle ore 19 – 21 e ore 22. Visita guidata e performance musicale. Posti limitati. È consigliata la prenotazione (obbligatoria) con qualche giorno d’anticipo  chiamando i numeri 329.8765958 – 320.7672134 o scrivendo una mail a eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline
È possibile acquistare un abbonamento a cinque visite teatralizzate, valido per 12 mesi al costo di € 35. Informazioni: abbonamenti@realteatrobellini.it

IL CONTRABBASSO PARLANTE
Recital per solo contrabbasso, voce e racconti immaginari

Lelio Giannetto contrabbasso parlante, monellerie
Musiche di J.S. Bach, Marcella Bella, Sting, G. Gershwin, Glen Moore, Lucio Battisti, Thelonius Monk, Miles Davis, Lelio Giannetto

Cominciamento

Iniziamo da qui. L’ascolto del suono in continuo movimento.
Hai mai visto un’onda essere uguale a se stessa?
Eppure quante volte riflettiamo su una cosa così semplice e così profonda?
L’onda del mare, nata prima dell’uomo
ancora oggi capace di/segnare amore§
(il contrabbasso parlante)
Cosa sarà mai questo contrabbasso parlante? Un contrabbasso che parla lo abbiamo visto mai? Quale mostruosità si nasconde dietro questa mitologica figura?

LELIO GIANNETTO
Da anni impegnato all’accostamento e alla fusione dei linguaggi artistici, dotato di originale senso espressivo, Lelio Giannetto realizza un’azione scenica in cui teatro, musica, testo letterario si congiungono attraverso una sorta di movimento gestuale nello spazio scenico. La performance spazia da esecuzioni di musiche composte in senso tradizionale a quelle create hic et nunc grazie al rapporto di immediatezza che il musicista è capace di sviluppare con il pubblico rendendolo parte attiva dello spettacolo e non semplice e passivo spettatore, riprendendo la lezione futurista, o anche brechtiana, senza dimenticare Grotowski, Kantor, il nostro Pirandello e il teatro dell’assurdo. Come espressione di un linguaggio non verbale, infatti, è proprio con la musica che si può meglio rendere l’idea di un teatro del suono che coniughi ogni forma d’espressione artistica.

“Il Contrabbasso Parlante è probabilmente lo spettacolo in cui meglio si può gustare il modo di proporsi di Lelio Giannetto. Una performance in cui emergono chiaramente la poetica, l’ironia, i paradossi e, soprattutto, la grande comunicativa di un artista unico, fondata sullo stupire se stesso e il pubblico, ma senza artifizi. Lelio Giannetto è senz’altro uno dei personaggi più prorompenti e creativi della cultura siciliana, molto conosciuto all’estero, soprattutto nell’ambito della musica contemporanea e dell’improvvisazione tout-court (l’autorevole rivista francese Impro-Jazz gli ha dedicato la copertina e quasi un intero numero). È l’anima di Curva Minore, associazione per la divulgazione e produzione delle musiche innovative. Ha collaborato con alcuni fra i maggiori musicisti della scena creativa mondiale come Fred Frith, Barre Phillips, Joelle Leandre, Pino Minafra, Jean-Marc Montera, Gianni Gebbia, Michel Doneda, Ernst Reijseger, Giovanni Sollima, Sebastian Gramss, Alessandro Librio, ma anche con i registi cinematografici Salvo Cuccia, Rino Marino, i registi teatrali Franco Scaldati, Aurelio Gatti, Claudio Collovà, Massimo Verdastro, le coreografe Alessandra Fazzino, Giovanna Amarù, Sabrina Vicari. Conduce spesso master class su improvvisazione e composizione istantanea, e su teoria del paesaggio sonoro e sue applicazioni pratiche. (dal programma di sala dell’associazione Filarmonica Laudamo di Messina)

LA RASSEGNA AUTUNNO AL BELLINI

Performance artistiche (musica, danza, lirica, prosa) e visite guidate sui 350 anni del teatro di piazza Bellini e i tanti nomi illustri che vi operarono: Eleonora Duse, Gabriele D’Annunzio, Sarah Bernardht, Niccolò Paganini, Gaetano Donizetti, Vincenzo Bellini.
Con gli operatori culturali di Terradamare e Lelio Giannetto, Gigi Borruso, Federica Aloiso, Angelo Sicurella, Stefania Blandebugo, Pietro Massaro, Elisa Barrale, Gianmarco Randazzo, Beatrice Cerami.
Le visite teatralizzate avranno la durata di un’ora. Disponibili i turni delle ore 19, 21 e ore 22. 

Non solo la storia del Teatro, complessa e incisiva nella ricchezza culturale di Palermo, torna a essere udita tra la platea e il palco reale del Bellini, ma le arti in generale dalla musica, alla danza, fino alla prosa; la rassegna Autunno al Bellini è la formula per riaprire alle scene le porte di uno dei più simbolici monumenti della città
Maggiori informazioni qui: www.terradamare.org/autunnoalbellini

______________
IL REAL TEATRO BELLINI è incastonato tra i gioielli dell’arte arabo normanna, nella scenografica Piazza Bellini, tra le storie dei dolci delle suore di Santa Caterina e dei marmi siciliani.
E la sua stessa storia si muove nella somma, in effetti, di diverse evoluzioni, dalla sua origine come Travaglino, nel periodo seicentesco, un piccolo “magaseno” dei Marchesi di Valguarnera di Santa Lucia, fino ai diversi ampliamenti, per divenire il fastoso Teatro Carolino, in onore dei sovrani borboni e, infine, nel periodo post risorgimentale diventare il teatro dedicato al celebre compositore catanese.
L’incendio che l’ha devastato non ha cancellato la traccia di uno degli edifici teatrali più antichi in Italia, in cui le maggiori opere teatrali furono realizzate, in cui le celebri Eleonora Duse, Sarah Bernahrdt e Gabriele D’annunzio varcarono la porta dell’edificio.
Ma la storia del Teatro Bellini, si rinnova, si inserisce in altri binari narrativi, dove poter mostrare non solo uno dei monumenti più rappresentativi della città, ma una sinergia artistica che ne riveli le attuali potenzialità culturali.